G7 Taormina, 26 e 27 maggio 2017 [fr]

Il Presidente della Repubblica francese si è recato il 26 e il 27 maggio in Italia per partecipare al vertice del G7 di Taormina, in Sicilia, dove è stato accolto dal Presidente del Consiglio dei ministri italiano, Paolo Gentiloni.

Gli altri partecipanti erano Justin Trudeau, primo ministro del Canada, Angela Merkel, cancelliera tedesca, Shinzo Abe, primo ministro del Giappone , Teresa May, primo ministro del Regno-Unito Donald Trump, presidente degli Stati Uniti, Donald Tusk, presidente del Consiglio dell’Unione europea, Jean Claude Juncker, Presidente della Commissione europea.

Le discussioni tra i dirigenti francese, italiano, americano, tedesco, britannico, canadese e giapponese hanno vertito essenzialmente sulle questioni di politica estera, il commercio, la lotta contro il terrorismo e la lotta contro il cambiamento climatico.

Il Presidente della Repubblica francese e sua moglie hanno assistito il 26 maggio al concerto serale dato dall’Orchestra Filarmonica della Scala nell’antico teatro della città, prima di prender parte alla cena offerta dal Presidente della Repubblica italiana.

Il 27 maggio, i dirigenti di Etiopia, Niger, Nigeria, Kenia e Tunisia, così come i rappresentanti di alcune organizzazioni internazionali (tra cui l’Onu, l’Unione Africana e il FMI), hanno partecipato alle discussioni relative all’Africa.

Al termine del vertice, il Presidente della Repubblica ha dato una conferenza stampa (video) tornando sulle principali tematiche trattate. Egli ha ringraziato il lavoro svolto dalla presidenza italiana del G7 ed ha espresso i suoi ringraziamenti all’Italia e al Presidente del Consiglio per la loro accoglienza.

Al margine del vertice, il Presidente della Repubblica si è intrattenuto con diversi suoi omologhi. Egli ha incontrato tra i leader del G7: la Prima ministra britannica, Theresa May e il Primo ministro giapponese Shinzo Abe. Il Presidente della Repubblica si è anche intrattenuto con il presidente del Niger, Mahamadou Issoufou, con il Presidente della Tunisia, Beji Caïd Essebsi e con il Presidente della Guinea nonché presidente in carica dell’Unione africana, Alpha Condé.

Ultime modifiche: 22/06/2017

Su della pagina