Incontro con Fayez Sarraj, Presidente del Consiglio presidenziale e Primo ministro libico [fr]

Comunicato stampa del Palazzo dell’Eliseo, mercoledì 8 maggio 2019

Il Presidente della Repubblica Emmanuel Macron ha ricevuto mercoledì 8 maggio il Primo ministro libico Fayez Sarraj.

Il Presidente della Repubblica ha riaffermato il sostegno della Francia al governo d’intesa nazionale, con il quale la Francia proseguirà la sua cooperazione. Ha anche sottolineato tutti gli sforzi intrapresi dalla Francia da due anni per riunire i protagonisti libici su una soluzione politica inclusiva, per arrivare il più presto possibile alle elezioni richieste dal popolo libico. Ha reiterato la sua volontà di aiutare a costruire la pace nell’ambito di un processo politico in Libia, sotto l’egida delle Nazioni Unite.

I due leader sono stati d’accordo sull’importanza di estendere e di approfondire il dialogo con tutte le componenti della nazione libica, a est, a sud e a ovest, inclusa la società civile.

Ricordando che non esiste soluzione militare al conflitto libico e per porre fine all’offensiva militare lanciata verso Tripoli, il Presidente della Repubblica ha incoraggiato un cessate il fuoco senza condizioni. Ha sottolineato la necessità di proteggere le popolazioni civili. In questo contesto, è stata avanzata la proposta di una delimitazione della linea di cessate il fuoco, sotto la supervisione internazionale, per definirne il quadro preciso.

È stato anche proposto di istituire, fin dai prossimi giorni, una valutazione del comportamento dei gruppi armati in Libia, inclusi quelli che sono direttamente di competenza del governo d’intesa nazionale, in stretto contatto con l’ONU. Più in generale, è stata riaffermata la necessità di lottare contro ogni attività terroristica.

La Francia resterà totalmente mobilitata per sostenere la mediazione del Rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite, al fine di far cessare le ostilità, che il dialogo riprenda e che il popolo libico possa vivere in pace e in sicurezza.

Service de Presse et Veille
Palais de l’Élysée

Ultime modifiche: 09/05/2019

Su della pagina