Coronavirus: invio di materiale medico in segno di solidarietà con la Cina destinato alle strutture ospedaliere di Wuhan e della provincia dell’Hubei (19 febbraio 2020) [fr]

Comunicato del Ministero dell’Europa e degli Affari esteri
Parigi, 19 febbraio 2020

Come è stato annunciato martedì dal Presidente della Repubblica durante il suo colloquio telefonico con il presidente Xi Jinping, la Francia ha deciso di manifestare la sua solidarietà nei confronti del popolo cinese che si trova di fronte all’epidemia di Coronavirus.

Un Airbus A 380 noleggiato dalla Francia ha decollato questa sera dall’aeroporto di Parigi Charles-de-Gaulle con destinazione Wuhan. Questo aereo trasporta attrezzature mediche destinate alla lotta al coronavirus a uso del personale sanitario mobilitato, che lotta contro l’epidemia di Coronavirus.

Questo carico di solidarietà di 17 tonnellate comprende soprattutto tute mediche di protezione, mascherine, guanti e prodotti disinfettanti.

Questa operazione è stata coordinata dal Centro di crisi e di supporto del ministero dell’Europa e degli Affari Esteri, a stretto contatto con l’ambasciata di Francia a Pechino e con il consolato generale di Francia a Wuhan. Essa articola i contributi del settore pubblico raccolti dal ministero dell’Europa e degli Affari Esteri e dal ministero della Solidarietà e della Salute, il sostegno finanziario del gruppo LVMH, che ha accettato di associarsi a quest’operazione, nonché i contributi della società civile, in particolare l’associazione degli Alumni dell’Università di Wuhan. Infine, ha permesso di trasportare materiali offerti dalla Lettonia e dall’Estonia.

Al suo rientro in Francia, quest’aereo imbarcherà i cittadini francesi et coloro che ne avranno manifestato il desiderio. Come durante il volo del 2 febbraio 2020, la Francia dimostrerà la sua completa solidarietà europea offrendo la possibilità anche ad altri cittadini dell’UE di beneficiare di un ritorno, essendo questi ultimi presi in carico, al loro arrivo, dalle autorità del proprio paese. Questo dispositivo è stato creato con il sostegno del meccanismo di protezione civile dell’Unione europea (MPCU).

Come per i precedenti voli di ritorno, delle severe regole sanitarie saranno applicate a tutta l’operazione, che prevede in particolare un periodo d’isolamento di 14 giorni all’arrivo.

A Wuhan, il nostro consolato generale rimane aperto con un piccolo gruppo di volontari per poter assistere i nostri compatrioti sul posto e manifestare nella provincia la solidarietà della Francia.

Ultime modifiche: 20/02/2020

Su della pagina