Israele – Territori palestinesi (14 maggio 2018) [fr]

Dichiarazione di Jean-Yves Le Drian, Ministro dell’Europa e degli affari esteri - 14 maggio 2018

Mentre le tensioni sul campo sono forti, come testimoniato dai gravi incidenti verificatisi nella striscia di Gaza in queste ultime settimane, la Francia invita tutti i protagonisti a far prova di responsabilità allo scopo di prevenire una nuova deflagrazione. Dopo diverse settimane di violenze, e di fronte al numero crescente di vittime palestinesi nella striscia di Gaza ancora oggi, la Francia chiede di nuovo alle autorità israeliane di dare prova di discernimento e di autocontrollo nell’uso della forza che deve essere strettamente adeguato. Essa richiama il dovere di protezione dei civili, in particolare dei minori, e il diritto dei palestinesi a manifestare pacificamente.

È urgente ricreare le condizioni necessarie alla ricerca di una soluzione politica, in un contesto regionale già segnato da forti tensioni.

La Francia disapprova la decisione americana di trasferire l’Ambasciata degli Stati Uniti in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, come ha ripetutamente ricordato il Presidente della Repubblica. Questa decisione contravviene al diritto internazionale e in particolare alle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza e dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Il diritto internazionale è inequivocabile sullo statuto di Gerusalemme. Dovrà essere determinato nell’ambito di negoziati, come l’insieme dei parametri internazionalmente approvati, al fine di pervenire ad una soluzione giusta e duratura, vale a dire due Stati, che vivono fianco a fianco in pace e in sicurezza, avendo l’uno e l’altro Gerusalemme come capitale. È quello che dice la legge ed è il senso dei nostri sforzi a favore della pace in Medio Oriente.

Ultime modifiche: 15/06/2018

Su della pagina