Riapertura della frontiere interne europee : comunicato stampa dei ministri Jean-Yves Le Drian e Christophe Castaner (12 giugno 2020) [fr]

Tenuto conto dell’evoluzione favorevole della situazione sanitaria in Francia e in Europa e conformemente alle raccomandazioni della Commissione europea presentate ieri, la Francia eliminerà il 15 giugno mattina (ore 0.00) tutte le restrizioni alla circolazione alle frontiere interne europee (terrestri, aeree e marittime) introdotte per combattere la pandemia di COVID-19.

A decorrere dal 15 giugno, le persone provenienti da paesi dello Spazio europeo (Stati membri dell’Unione europea e Andorra, Islanda, Liechtenstein, Monaco, Norvegia, San Marino, Svizzera e Vaticano) potranno quindi entrare in territorio francese senza restrizioni legate alla lotta contro il COVID-19, come avveniva prima del 18 marzo 2020. In particolare, questi viaggiatori non saranno più tenuti a munirsi di un attestato di spostamento internazionale in deroga per entrare nel territorio francese. Inoltre, le persone provenienti dallo spazio europeo sono dispensate dalla quarantena al momento del loro arrivo in Francia.

Per reciprocità, tuttavia, continueranno ad applicarsi restrizioni alle frontiere con la Spagna e con il Regno Unito:

  • La Spagna ha scelto di mantenere fino al 21 giugno le restrizioni alla circolazione relative al COVID-19 e il requisito della quarantena per i passeggeri aerei provenienti da paesi europei. Di concerto con le autorità spagnole, la Francia manterrà pertanto le restrizioni attualmente in vigore fino al 21 giugno. Fino a tale data, i passeggeri aerei provenienti dalla Spagna saranno invitati ad effettuare una quarantena al loro arrivo in Francia.
  • Il Regno Unito ha deciso di introdurre l’8 giugno un obbligo di quarantena per i viaggiatori provenienti dalla Francia. Pertanto, a partire dal 15 giugno, i viaggiatori provenienti dal Regno Unito non saranno più soggetti a restrizioni di ingresso nel territorio nazionale legate alla lotta contro il COVID-19, ma rimarranno, fino a nuovo ordine, invitati a osservare la quarantena al loro arrivo.

Conformemente alle raccomandazioni della Commissione europea presentate ieri e ispirate alle proposte francesi, la Francia procederà inoltre ad un’apertura progressiva delle sue frontiere esterne Schengen a decorrere dal 1º luglio. Tale apertura si effettuerà in modo progressivo e differenziato secondo la situazione sanitaria dei vari paesi terzi e secondo le modalità

Tenuto conto dell’importanza dell’attrattiva universitaria, gli studenti internazionali saranno autorizzati, qualunque sia il loro paese d’origine, a venire in Francia e le modalità della loro accoglienza saranno facilitate. Le domande di visto e di permesso di soggiorno saranno trattate in via prioritaria.

Ultime modifiche: 13/07/2020

Su della pagina